Philosophy of Religion - Lubos Rojka Web Site

Go to content

Main menu:

Philosophy of Religion

Teaching > Rome




La creazione dell'universo


Negli ultimi decenni numerosi scienziati e filosofi hanno espresso la loro opinione su uno degli argomenti tradizionali per l'esistenza di Dio che conduce alla conclusione che "l'universo era creato all'inizio del tempo da niente". La giustificazione di questa tesi dipende da una triplice sintesi che coinvolge tre correnti in filosofia: i dibattiti sul principio di causalità (Einstein, Bohr, Bell; Hume, Kant), sull'inizio del mondo (modello del Big Bang: Friedmann, Lemaître, Penrose; cosmologia quantistica: Linde, Vilenkin, Hawking), e sul concetto del Creatore infinito (Swinburne, Craig, Smith).

Bibliografia
:
S.W. HAWKING - L. MLODINOW, The Grand Design, New York 2010;
B. CARR (ed.), Universe or Multiverse?, Cambridge 2009;
P. COPAN - W.L. CRAIG, Creation out of Nothing: A Biblical, Philosophical, and Scientific Explanations, Grand Rapids - Leicester 2004;
Q. SMITH, "A Logical Argument against a Divine Cause" in C. MEISTER (ed.), The Philosophy of Religion Reader, Oxford (UK) 2008, 227-247.



Alvin Plantinga: La razionalità della credenza


Alvin Plantinga ha fondato un centro di filosofia della religione all'Università di Notre Dame negli Stati Uniti conosciuto e apprezzato a livello internazionale. Il suo contributo principale è nell'epistemologia religiosa. Plantinga spiega che la fede in Dio è basilare, perciò non necessita di una prova razionale. In questo modo evita gli argomenti potenzialmente distruttivi per la credenza in Dio e tutto il discorso si sposta nell'epistemologia. La domanda centrale è cosa significa che una credenza è "basilare" e come Plantinga giustifica che la fede cristiana è veramente di questo genere.

BIBLIOGRAFIA:
A. PLANTINGA, Dio esiste. Perché affermarlo anche senza prove (Faith and Rationality, 1983), Soveria Mannelli (CZ) 2011;
ID., "De Re et De Dicto", in D. SILVESTRINI (ed.), Individui e mondi possibili, Milano 1979, 167-190 e "Appello ai filosofi cristiani", in Rivista di filosofia neo-scolastica 103 (2011) 83-110;
M. DI STASIO, Alvin Plantinga: conoscenza religiosa e naturalizzazione epistemologica, Firenze 2011;
G.C. DI GAETANO, Alvin Plantinga: La razionalità della credenza teista, Brescia 2006.


Chi è Dio, e come sappiamo che veramente esiste


Lo scopo del seminario è introdurre gli studenti ad una problematica approfondita del concetto di Dio, la sua esistenza e alcuni altri problemi della filosofia analitica della religione. Spiegheremo alcune difficoltà col linguaggio religioso e richiameremo il concetto tradizionale di Dio assolutamente semplice. Proseguiremo con gli argomenti per l’esistenza di Dio assai originali di C. Hughes a R. Swinburne. Le discussioni degli argomenti ontologici, cosmologici e teleologici per l’esistenza di Dio richiedono una più ampia riflessione nel contesto della filosofia analitica di oggi. Programma: 1. Introduzione. Sviluppo della filosofia analitica della religione. – 2. Spiegazione in generale. Giustificazione epistemica. – 3. Il linguaggio religioso e il concetto di Dio. – 4. La coerenza degli attributi di Dio. – 5.-8. La critica degli argomenti per la esistenza di Dio. – 9.-11. Lo statuto attuale degli argomenti (R. Swinburne, W. L. Craig). – 12. Evaluazione.

BIBLIOGRAFIA:
Hughes, C.: Filosofia della religione. La prospettiva analitica (2005).
Swinburne, R.: The Coherence of Theism (1993), The Existence of God (1991), Is There a God?, Epistemic Justification (2001).
DAVIES, B.: An Introduction to Philosophy of Religion. 3 edition (2004).
Craig, W. L. – Moreland, J. P.: Philosophical foundations for a Christian worldview (2003).
Plantinga, A.: God, Freedom, and Evil.
Quinn, P. L. – Taliaferro, C.: A Companion to Philosophy of Religion (1999).
MAWSON, T. J.: Belief in God (2005). ZAGZEBSKI, L. T.: Philosophy of Religion (2007).



David Hume:  Dialoghi sulla religione naturale


Sottoponiamo ad una lettura approfondita e ad una valutazione critica i Dialoghi sulla religione naturale da David Hume ed alcuni filosofi degli ultimi decenni che sviluppano il pensiero di Hume. Si tratta di un certo tipo di riflessione (analitica) sulla religione dove si cerca una comprensione approfondita dei concetti ed affermazioni religiose. Dobbiamo occuparsi delle proprietà logiche di queste affermazioni e dei ragioni per credere che sono vere. Parleremo dei problemi classici della teologia filosofica, sopratutto dell’esistenza di Dio, del problema del male, delle questioni del concetto di Dio, e anche della possibilità dei miracoli. Le discussioni recenti relativi alle questioni humeane sono molto interessanti: Dibattito sull’esistenza di Dio tra W. Craig e Nielson («God-Morality-Evil»), W. Craig e Q.Smith («Does God exist?»), W. Craig e Curley («The Existence of the Christian God»).

BIBLIOGRAFIA:
Hume, D.: Dialoghi sulla religione naturale. Ed. A. Attanasio. Torino: Einaudi, 2006.
Hume, D.: Ricerca sull’intelletto umano. Bari: Laterza, 1978.
Hume, D.: Opere filosofiche. Bari: Laterza, 1987.
Hume, D.: A Letter from a Gentleman to his Friend in Edinburgh (1745).
Hume, D.: Dios. Ed. A. L. Gonzáles. Pamplona, 1998.
Mossner, E. C.: The Life of David Hume (1980).
Davies, B.: An Introduction to Philosophy of Religion. 3rd edition (2004).
Craig, W. L. – Moreland, J. P.: Philosophical foundations for a Christian worldview (2003).
Wallace, S. W. (ed.): Does God Exists? The Craig-Flew Debate (2003).
Quinn, P. L. – Taliaferro, Ch.: A Companion to Philosophy of Religion (1999).



I Problemi Attuali della Filosofia Analitica della Religione

Lo scopo del seminario è introdurre gli studenti ad una problematica approfondita del concetto di Dio, la sua esistenza e alcuni altri problemi della filosofia analitica della religione. Ci concentriamo sui problemi discussi nella filosofia di oggi. Spiegheremo alcune difficoltà col linguaggio religioso e richiameremo il concetto tradizionale di Dio assolutamente semplice. Ci occupperemo anche con gli argomenti per l’esistenza di Dio. Ogni studente scegle la problematica che lo interessa e la approfondisce in un elaborato di 10-15 pagine seguendo le regole della metodologia filosofica. R. Swinburne e W. L. Craig analizzano molto chiaramente i problemi attuali della teologia filosofica e ci offrono alcune risposte accetabili contro la critica ateistica ed una fondazione filosofica piu ampia per un teismo Cristiano di oggi. Programma: 1. Introduzione. Sviluppo della filosofia analitica della religione. 2. Spiegazione in generale. La credenza e le probabilità. Giustificazione epistemica. 3. Il principio di verificazione e falsificazione. 4. Il linguaggio religioso e il concetto di Dio (La critica di D. Hume, W.K. Clifford, A. Flew). La coerenza degli attributi di Dio. 5. Lo statuto attuale degli argomenti per la esistenza di Dio. (R. Swinburne, W. Craig) 6. Alcuni problemi del dualismo del corpo ed anima umana. (R. Swinburne) 7. Evaluazione.

BIBLIOGRAFIA:
Hughes, C.: Filosofia della religione. La prospettiva analitica (2005).
Swinburne, R.: The Coherence of Theism (1993), The Existence of God (1991), Is There a God?, Epistemic Justification (2001).
DAVIES, B.: An Introduction to Philosophy of Religion. 3 edition (2004).
Craig, W. L. – Moreland, J. P.: Philosophical foundations for a Christian worldview (2003).
Plantinga, A.: God, Freedom, and Evil.
Quinn, P. L. – Taliaferro, C.: A Companion to Philosophy of Religion (1999).
MAWSON, T. J.: Belief in God (2005).
ZAGZEBSKI, L. T.: Philosophy of Religion (2007).



Problemi Attuali della Filosofia Analitica della Religione


Lo scopo del seminario è introdurre gli studenti ad una problematica approfondita e più ampia del concetto di Dio, la sua esistenza e alcuni altri problemi attuali della filosofia analitica della religione. Discuterémo alcune difficoltà col linguaggio religioso e richiameremo il concetto tradizionale di Dio assolutamente semplice. Le discussioni degli argomenti ontologoci, cosmologici e teleologoci per essistenza di Dio richiede una più ampia rifflessione e evaluazione. Proseguiremo con gli argomenti per l'esistenza di Dio assai originali di R. Swinburne, dove analizza i problemi principali della filosofia teologica dal punto di vista della fede umana in generale e della sua teoria della probabilità che fa il suo approccio molto interessante. Malgrado di un concetto non tradizionale di Dio, R. Swinburne ci offre molte risposte accetabili contro la critica ateistica. Programma: 1. Introduzione. Sviluppo della filosofia analitica della religione. Spiegazione in generale (C.G. Hempel, W.C. Salmon). 2. Caratteristiche principali della credenza. Giustificazione epistemica e la teoria della probabilità. I criteri della probabilità logica di una spiegazione. (R. Swinburne) 3. Il linguaggio religioso e il concetto di Dio (La critica di W.K. Clifford, A. Flew, A. Kenny, M. Martin). La natura della spiegazione teistica. 4. La coerenza degli attributi di Dio (simplicità, eternità, conoscenza e potere di Dio). 5. La necessità e lo statuto attuale degli argomenti per la esistenza di Dio (A. Plantinga, R. Swinburne, W. Craig) 6. La critica degli argomenti per la esistenza di Dio (R. Dawkins, S. Harris, S. Hitchens). 7. Evaluazione. 8. Riassunto.

BIBLIOGRAFIA:
DAVIES, Brian, ed.: Philosophy of Religion 2000.
DAVIES, B.: An Introduction to Philosophy of Religion. 3rd edition (2004).
DAWKINS, R.: The God Delusion (2008).
HARRIS, S.: The End of Faith (2004), Letter to a Christian Nation (2007).
HITCHENS, C.: God is not Great (2007),
HITCHENS, C. (ed.): The Portable Atheist (2007).
NIELSEN, K.: Atheism and Philosophy (2005).
PLANTINGA, Alvin: God, Freedom, and Evil.
QUINN, P.L. - TALIAFERRO, Ch.: A Companion to Philosophy of Religion (1999).
ROJKA, L.: The Eternity of God, 2005. ROJKA, L.: Filozofická teológia.
SWINBURNE, R.: The Coherence of Theism (1993), The Existence of God (1991), Is There a God?, Epistemic Justification (2001).



I debattiti recenti della filosofia analitica della religione


Sottoponiamo a una lettura aprofondita ed evaluazione critica alcune opere degli ultimi decenni dei filosofi nella tradizione analitica della religione come J. Hick, W.L. Alston, W. Craig, A. Flew, K. Nielsen. Si tratta dei problemi classici della teologia filosofica, sopratutto della esistenza di Dio, problema del male, le questioni del concetto di Dio, e anche la discussione più recente della resurrezione di Christo. Continueremo con le discusioni recenti, molto interresanti, sulla esistenza di Dio tra W. Craig and Nielson ("God-Morality-Evil"), W. Craig and Q. Smith ("Does God exist?"), W.Craig and Curley ("The Existence of the Christian God"). La accettazione della esistenza di Dio di A. Flew offre anche un inspiratione per una frutuosa rifflessione filosofica (There is a God, "Anthony Flew's Deism Revisited").

BIBLIOGRAFIA:
CRAIG, W.L. - Sinnott-Armstrong, W.: A Debate Between A Christian and An Atheist (2004).
WALLACE, S.W. (ed.): Does God Exists? The Craig-Flew Debate (2003).
KENNY, A.: What I believe (2006).
HICK, J.: Believable Christianity (2007). (www.johnhick.org.uk). Presentazioni di W. Craig su Internet: http://www.reasonablefaith.org/. (2008-12-08).
SWINBURNE, R.: The Coherence of Theism (1993), The Existence of God (1991), Is There a God?, Was Jesus God? (2008).
DAVIES, Brian, ed.: Philosophy of Religion 2000. DAVIES, B.: An Introduction to Philosophy of Religion. 3rd edition (2004).
KENNY, A.: The God of The Philosophers (1979).
NIELSEN, Kai: Atheism and Philosophy (2005).
PLANTINGA, Alvin: God, Freedom, and Evil.
QUINN, P.L. - TALIAFERRO, Ch.: A Companion to Philosophy of Religion (1999).



Il sistema di filosofia teologica di Richard Swinburne


Lo scopo del corso è introdurre gli studenti ad una problematica approfondita del concetto di Dio e la sua esistenza nel modo assai originale di R. Swinburne. Spiegheremo le difficoltà col concetto di Dio assolutamente semplice e gli argomenti di R. Swinburne contro questa concezione. Dovremo spiegare i principi epistemici dei suoi argomenti per l´esistenza di Dio. R. Swinburne analizza i problemi principali della filosofia teologica dal punto di vista della fede umana e della sua teoria della probabilità che fa il suo approccio molto interessante.
Descrizione del corso: 1. Le opere di Richard Swinburne. 2. La fede e probabilità. 3. Justificatione epistemica e conoscienza in generale. 4. La probabilità logica di una spiegazione. 5. Il linguaggio religioso e il concetto di Dio. 6. La coerenza degli attributi di Dio. 7. La natura della spiegazione teistica. 8. Gli argomenti per la esistenza di Dio. 9. L´argomento cosmologico. 10. Altri argomenti. 11. L´eternità di Dio
12. Riassunto. Evaluazione.


Back to content | Back to main menu